top of page
  • Luca Di Cecca

PROJECT-III : log n.1

Eccoci al primo log che segue la produzione di questo nuovo cortometraggio full CGI realizzato con Blender.

Nel precedente articolo avevo indicato motivazioni e obbiettivi di questo nuovo lavoro personale.


Quando si decide di inizare un cortometreggio è importante avere sotto mano una buona sceneggiatura.

Come dicevo, anche per questo corto ho la fortuna di avere un breve script scritto da Alessandro Izzi ( QUI potete trovare alcune sue cose).

Con la sceneggiatura in mano, prima di iniziare quasiasi cosa che riguardi la produzione

(storyboard, modelli, etc.) quello che solitmente faccio è uno 'spoglio' della sceneggiatura. In poche parole andiamo a leggere lo script e a evidenziare punti critici che potranno esserci in produzione e, cosa molto importante, fare un lungo elenco di tutte le cose in seguito saranno presenti nelle inquadrature.


Solitamente in ambito cgi e, in particolare dell'animazione, l'insieme degli elementi visivi che compariranno nelle scene viene chiamato 'model pack', o ancora più nel gergo, 'asset'.

Dal momento che questo corto sarà tutto in 3d andremo a dividire i nostri asset pack in tre macroaree : personaggi, scenografie e oggetti di scena che da ora chiameremo rispettivamente CHARACTERS, SET, PROPS.


Qui di seguito potete vedere un primo spoglio di sceneggiatura e accanto altre tabelle che riguardano la produzione.


A seguire la 'time-table'. Una stima nel tempo delle varie fasi di lavorazione per seguire la produzione.



Il mesi di gennaio è sato dedicato a una prima fase di concept.

Questa fase del lavoro è molto importante perchè lavoreremo alla linea grafica e artistica di tutto il lavoro.

Una prima fase di exploration è stata dedicata alla ricerca di references.

Ho collezionato tutte le immagini preliminari di ricerca grazie al software PureRef che permette di fare collage immediati di molte immagini.

Ecco la mia prima ricerca preliminare:


Tra i vari artisti 3d su Artstation che ho trovato molto stimolanti per lo sviluppo del design del corto vi consiglio:

Questa fase preliminare di lavoro è stata anche occasione di sperimentare finalmente l'intelligenza artificiale.

Il dibatitto sull'uso dell'intelligenza artificiale in ambito artistico è molto acceso e molti sono i quesiti e i dubbi che stanno emergendo.

Personalmente credo che l'uso dell'AI in questa fase, di ricerca di stili, mood e concept, può essere un valido aiuto. Diverso è dire che un elaborato generato dall'intelligenza artificiale è un'opera finita ed elevarla allo stato di arte.

In ogni caso ho sperimentato Midjurney e StableDiffusion attraverso la piattaforma Discord.

Qui potete vedere una breve guida sull'uso di Midjurney



Per seguire il dibattito sull'eticità dell'uso dell'AI vi consiglio di vedere questo video:


Dopo questa prima face di ricerca ho inziato a buttare giù i primi disegni.

Prima dei disegni però ho 'stabilito' una linea di massima per tutto il PRODUCT DESIGN:

  • design minimale e pochi dettagli per il personggio principale

  • ambienti con pochi elementi ma con forte impegno della resa fotografica

  • animazione minimale e questo si ripercuote anche nella meccanica del personaggio.


E di seguito alcuni primi disegni nelle loro parti di sviluppo















Questi sono i primi concept focalizzati sul personaggio principale del corto, un piccolo robot con un braccio meccanico. Ho esplorato le varie possibilità partendo da un'idea ferma: il piccolo robot deve parire da una forma regolare e minimal, un cubo.


Nel prossimo mese, fino a fine febbraio, seguendo la timetable dovrò concentrarmi sullo storyboard!


Rimanete sintonizzati per seguire il progress del lavoro :)


0 comments
bottom of page